3498571270 info@marketbee.it

Come molti ormai hanno capito, tutte le aziende se vogliono crescere e sperare di allargare i loro ventaglio di clienti, devono portare tutto ciò che hanno da offrire sul web, costruendo un sito bello da vedere e facile da trovare. 

Cosa vuol dire? 

La risposta è molto semplice: quando un utente digita una query (cioè una domanda) su Google, l’ideale è quello di far trovare il proprio sito web aziendale come prima risposta all’interno della SERP (cioè la prima pagina dei motori di ricerca). 

Semplice a dirsi ma non così semplice a farsi: per riuscire nell’intento, c’è bisogno di una strategia di marketing aziendale vincente che, se applicata nella maniera corretta, riuscirà a farvi raggiungere l’obiettivo, cioè essere i primi su Google e avere maggiori possibilità di vendere il vostro prodotto o servizio. 

Per riuscire in ciò, esiste un professionista del digitale che lavora proprio con l’intento di farvi trovare molto più facilmente dai vostri clienti, potenziali o effettivi che siano; il suo nome è consulente SEO o SEO specialist.  

SEO Specialist: chi è?

Innanzitutto, la preparazione di un consulente SEO spazia dal web marketing all’informatica, fino ad approdare nel campo della web analytics; tutte queste branche e competenze sono necessarie per costruire una strategie di web marketing efficace e di successo. 

Si può definire un SEO Specialist una figura che ha il compito di portare più traffico possibile ad un sito web aziendale, attraverso l’applicazione di vere e proprie strategie SEO

Se sceglierete un professionista esperto e qualificato, si potrà vedere il proprio sito web aziendale, o personale, in testa ai principali motori di ricerca ogni qualvolta un utente digiterà una domanda coerente con ciò di cui vi occupate. 

SEO Specialist: cosa fa?

Per rispondere a questa domanda si potrebbe scrivere un tomo di 500 pagine, oppure si potrebbe ridurre il tutto facendo un semplice esempio.

Un venditore di planetarie vuole mettere online il suo prodotto; il SEO Specialist organizzerà il sito web del venditore in modo tale che se un potenziale cliente digita sulla tastiera la parola “planetaria”, il sito del venditore comparirà per primo tra i risultati di ricerca. 

Per fare questo però, ci sono tutta una serie di buone pratiche che un SEO Specialist deve applicare per svolgere un buon lavoro di ottimizzazione, tra cui;

  • analizzare un sito web in ottica SEO;
  • analizzare il mercato di riferimento;
  • saper cercare e trovare le parole chiave utili per ottimizzare un sito;
  • ottimizzare i codici dei siti stessi;
  • saper utilizzare e conoscere tutti i principali SEO tools e gli strumenti di analisi tecnica come SeoZoom o SEMrush;
  • ottimizzare tutti i testi;
  • applicare le giuste strategie di link building.

Un buon consulente SEO per i motori di ricerca  deve lavorare principalmente su due fronti;

con la SEO On Page (oppure on site) e con la SEO Off Page (o SEO off site). 

La SEO On Page

La SEO On Page si può descrivere come l’ottimizzazione di tutti quegli elementi che fanno parte di un sito web, così da essere in prima posizione nella SERP; per fare questo, si devono tenere conto dei parametri dell’architettura e dei codici di programmazione, l’url, i titoli, i meta tag, l’usabilità e la leggibilità del sito, le keywords, i link interni e i contenuti (testi e immagini). 

Non ci si deve scordare poi che, quando Google guarda l’attendibilità e l’autorità di un sito, guarda soprattutto 7 parametri, su 200 esistenti:

  • Seo copywriting;
  • user engagement;
  • ottimizzazione delle immagini;
  • struttura tecnica;
  • la capacità di adattarsi ai diversi dispositivi (pc, mobile, tablet, tv);
  • velocità del sito;
  • link interni.

La SEO Off Page

Passiamo ora a capire cos’è la SEO off site (oppure off page).

Queste non sono altro che tutte quelle altre attività che, se fatte con consapevolezza, sono in grado di aumentare la visibilità di un sito aziendale o, in altre parole, non sono altro che la creazione di traffico che parte dall’esterno e va verso l’interno del proprio sito web aziendale. 

Per aumentare la visibilità di un sito, Google lo deve vedere come autorevole, rilevante e affidabile, perciò alcune delle attività di back link da effettuare sono: